Cerca nel blog

sabato, gennaio 18

LO NOVO STIL NOVO di Calogero

Nel Maggio del 2011, in un ritiro poetico-spirituale di una decina di poeti, in una vecchia villa del Monferrato
abbiamo trattato, a tema libero, DANTE, vi propongo, care amiche e amici, l'ironico "Pane Nostro": la Poesia.
Calogero Di Giuseppe
LO PAN DE LO POETA
Ne lo giardino mio fu trapiantata
la Rosa de l’ardore e de lo core
Regina delli fiori  profumata.
Dello “novo stil   novo” sum poeta    (1
che canta pe’ le donne e pe’ l’Amore
per’una vita bona e tanto cheta.
.............
Quanno lo core tantu forte batte
pe’ lo pensiero de la Donna mia
me scordo de magnar lo bono pane,
me scordo de lo vino ne la botte
e dedico a la donna pura e pia
li Canti che le scrivo ne’ la notte.
...................
Ora che lo Petrarca se ne iuto
co’ l’Alighiero Dante suso suso
chi mai farà le rime con cornuto?
pi queli che ci avete su la testa?
lo faccio meo...di chisto me ne scuso
ma vui... nun fate quela faccia mesta.
 .............
De lo Boccaccio sono sti trovate
quelo de lo gran giglio fiorentino  (2
quelo de le gran fole burlonate
rivale de la Rosa profumata
rogo de lo me core birichino  (3
ne l’ora de la vita consumata.
............
Ego sum lo poeta de lo Pane
di li gran cosi veri e puvirelli,
e voglio bene a l’omo... puro al cane,
de la Rosa rossa, tea e delicata
de li cori puri e verginelli
amo puro a pranzo ‘na gran magnata.
.............
1) “Stile letterario storico” ora desiderato.
2) Simbolo di Firenze. Nei pressi della quale Boccaccio è nato.
3) Le fiamme degli scherzi pesanti dei toscani
fan soffrire il mio cuore capriccioso.            
10 maggio 2011